↑ Zum Seitenanfang ↑

Notizie

  • Construction site – June 2017

    Visualizza il permalink
  • Visitate l’archeoParc con l’Euregio Family Pass

    Dal 1 giugno l’Euregio Family Pass sostituisce l’Alto Adige Pass family. Questa carta vantaggi offre sconti o agevolazioni in diversi negozi e istituzioni. Ogni prima domenica del mese le famiglie in possesso dell’Euregio Family Pass potranno entrare all’archeoParc pagando solo 1 euro a persona. Più informazioni sull’Euregio Family Pass.

    Visualizza il permalink
  • Construction site April-May

    Visualizza il permalink
  • Grest estivo all’archeoParc

    A luglio ed agosto all’archeoParc organizziamo cinque settimane di grest „neolitico“ per bambini! La manifestazione si terrà prevalentemente in lingua tedesca. Ecco più info e il foglio per l’iscrizione!

    Zwei jungsteinzeitliche Hausmodelle im Freilichtbereich des archeoParc Schnalstal in der Nähe der Ötzifundstelle in Südtirol <br/> Due ricostruzioni di capanne dell’epoca di Ötzi nell’area all’aperto dell’archeoParc della val Senales <br/> Two neolithic house reconstructions at the archeological open-air museum archeoParc Val Senales close to the discovery site of the Iceman in northern Italy<br/><br/>2900-2600 BC <br/>Alleshausen-Grundwiesen, D

    archeoParc Schnalstal, photo: ganeshGraphics

    Visualizza il permalink
  • Edizione aurina – mostra fotografica di Konrad Laimer

    La mostra fotografica di quest’anno allestita nella caffetteria dell’archeoParc gira tutt’intorno al rame e alla sua lavorazione. Già più di 5000 anni fa furono creati gioielli, utensili e armi di rame nelle zone alpine – tra queste anche l’ascia di Ötzi. Le immagini in mostra sono state riprese in Valle Aurina, durante i laboratori “Metallgeruch /odore di metallo” organizzati in cooperazione con il Moore College of Art Philadelphia tra il 2001 e il 2003. Nel corso dei workshop l’orafo Konrad Laimer e lo scultore Daniel Peter hanno spiegato e mostrato l’impiego del rame nell’artigianato artistico, usando come materia prima rame proveniente dalla galleria St. Ignaz di Predoi. Con materiali semplici, cera d’api per la forma e creta e legno per la fusione ancora oggi nell’officina di Konrad Laimer a Naturno vengono creati gioielli di rame della Valle Aurina.

    Visualizza il permalink

2016

  • Operatore/trice didattico/a cercasi

    Il team degli operatori museali dell’archeoParc ha bisogno di rinforzi! Offriamo un lavoro part-time di circa 30 ore settimanali da aprile a inizio novembre. Il bando completo in formato pdf è scaricabile qui: www.archeoparc.it/lavoro

    Per ricevere ulteriori informazione e/o inviare la candidatura (entro il 31 gennaio) contattate: archeoParc, Johanna Niederkofler, tel 67 60 20, info@archeoparc.it

    Visualizza il permalink
  • 5th Prehistoric Championship in Val Senales valley

    It was again a fantastic time we spent together at the end of September! Please find here some of the pictures Peter took and download the ranking list.

    googlefotosturnier16

    P.S. The next Val Senales Championship will take place the last weekend of September 2017 (September 23-24).

    Visualizza il permalink
  • Il cantiere a novembre

    L’archeoParc è chiuso al pubblico da qualche settimana e adesso anche il cantiere nell’area all’aperto è pronto per l’inverno: gli ultimi lavori per quest’anno sono stati terminati e le nuove capanne preparate in modo da resistere al freddo e alla neve. In primavera i lavori continueranno!

    Il tetto di scandole di larice della casa Villandro Plunacker è stato completato appena prima della pausa invernale.

     

    La casa Parma-via Guidorossi è pronta per l’arrivo dell’inverno. Il tetto e le pareti laterali mancanti verranno aggiunti l’anno prossimo.

     

    La casa Brescia-San Polo è già fatta e finita e sembra resistere bene alla prima neve e al gelo.

    Visualizza il permalink
  • L’archeoParc visto dall’alto

    Per la nuova planimetria Fritz Götsch di Video Aktiv ha fatto delle riprese del centro visitatori, dell’area all’aperto e del cantiere. Godetevi queste immagini dell’archeoParc in veste autunnale, incorniciato dai larici gialli .

    Visualizza il permalink
  • Visitor’s book October 2016

    Muchas gracias por esté luegos donde se aprende mucho.
    07.10.2016

    Es war sehr, sehr schön! Und das Stockbrot war lecker!
    Emil aus Köln
    12.10.2016

    Molto bello, mi è piacuto tanto, il vostro archeoparc è stato bellissimo.
    14.10.2016

    Thank you for this interesting and educational visit!
    Martijn & Jennifer
    03.11.2016

    Visualizza il permalink
  • Finché la barca va…

    La monossile, costruita per noi dall’archeotecnico tedesco Wulf Hein, ha superato alla grande la prima prova su acqua nel laghetto dell’archeoParc. Dalla prossima estate sarà pronta a trasportare anche i nostri visitatori!

    Visualizza il permalink
  • Il legno nell’architettura rurale

    Il 26 ottobre abbiamo avuto occasione di ospitare dott. Helmut Stampfer per una conferenza serale nella caffetteria dell’archeoParc.

    Visualizza il permalink
  • Il legno nell’architettura rurale

    Mercoledí, 26 ottobre alle ore 20:00 nella cafeteria dell’archeoParc si tiene una conferenza su “Il legno nell’architettura rurale”. Lo storico dell’arte e direttore della Soprintendenza ai Beni Culturali di Bolzano dal 1983 al 2007, racconta del tradizionale uso del legno come materiale edile in Val Senales e in altre valli altroatesini accompagnandoci attraverso 700 anni di storia dell’edilizia.
    Tutti gli interessati sono invitati a partecipare alla conferenza e all’aperitivo e di visitare successivamente la mostra temporanea “La casa di Ötzi. La ricostruzione di una capanna preistorica”.
    Ecco l’invito.

    Visualizza il permalink
  • Visitor’s book September 2016!

    Große Klasse! Der Herr Museumspädagoge ist super toll. Vielen Dank für einen abwechslungsreichen und kurzweiligen Nachmittag!
    Sylvia Böttcher, Florian und Kinder
    08.09.2016

    Zum Geburtstag alles Gute und weiterhin viel Glück für die „Ötzi-Welt“ wünschen Hannelore und Sylvia aus Osnabrück/Oldenburg
    19.09.2016

    Wir wünschen weiterhin viele nette Urlauber und Gäste die ins Tal kommen, nicht nur am Geburtstag vom Ötzi.
    Thomas und Anja
    19.09.2016

    Visualizza il permalink
  • What’s going on at the construction site…

    Visualizza il permalink
  • Ecco i vincitori!

    Sabato: Nel torneo senalese di tiro con l’arco preistorico quest’anno ha vinto Daniel Müller (CH) nella categoria uomini. Il secondo posto è stato occupato ex aequo da Kurt Mischler (CH) e Patrick Weyeneth (CH).
    Nella categoria donne la più forte è stata Karen Storks (D), seguita da Conny Heinzelmann (CH) sul secondo e Bärbel Berhorst (D) sul terzo posto.
    Nella categoria bambini Kilian Diehm (D) si è guadagnato il primo posto, Daniele Capitanio (I) il secondo e Alexander Mattasch (D) il terzo.
    L’assessore regionale Martha Stocker ha premiato i vincitori durante la cerimonia nell’area all’aperto dell’archeoParc.

    Domenica: Il vincitori del torneo di lancio con il propulsore nella categoria uomini sono Ansgar Lukas (D) sul primo posto, Fritz Mischler (CH) sul secondo e Reinhold Schnücker (D) sul terzo.
    Nella categoria donne ha vinto Ursula Räss (CH), Maike Lukas (D) ha conquistato il secondo posto e il terzo si dividono ex aequo Nadja Kiesewetter (D) e Conny Heinzelmann (CH).
    Kilian Diehm (D) si è dimostrato il migliore anche nel torneo di lancio con il propulsore, seguito da Liam Lukas (D) e Tom Lukas (D).

    Visualizza il permalink
  • 5. Campionato Europeo di tiro con l’arco preistorico e lancio con il propulsore

    archeoParc Schnalstal, photo: Peter Santer

    archeoParc Schnalstal, photo: Peter Santer

    Ci siamo! Sabato, 24 settembre e domenica, 25 settembre all’archeoParc si svolge, per il quinto anno consecutivo, un incontro dei campionati europei di tiro con l’arco preistorico e lancio con il propulsore. Si tratta di uno di circa trenta appuntamenti organizzati in vari paesi europei durante l’anno. I partecipanti al torneo senalese vengono dalla Germania, dall’Austria, dalla Svizzera e varie regioni italiane per gareggiare sabato pomeriggio con arco e frecce e domenica pomeriggio con il propulsore.
    Sono invitati tutti a partecipare come spettatori oppure come partecipanti nella categoria fuori concorso.

    Più informazioni sull’evento si trovano nel comunicato stampa e nel programma con invito.

     

    Visualizza il permalink
  • Visitor’s book August 2016

    Man hätte was verpasst, wäre man nicht hier gewesen. Einfach begeisternd!
    Doris Beringer mit Familie
    03.08.2016

    Lieber Park, es hat uns super gefallen! Das Bogenschießen haben wir mindestens zweimal gemacht. Es war super toll! Eure vier Jankas
    Andreas, Michaela,Lena, Isabell
    06.08.2016

    La famille VanKleef et Vanderheyden a apprécié l’authenticité de ce musée. Bravo pour les futúrs ameinagements.
    De Chimay en Belgique
    07.08.2016

    Una perla di cultura incastonata in un paradiso di natura. Vivissimi complimenti
    Fam. Latini da Valmontone (RM)
    17.08.2016

    Visualizza il permalink
  • Cosa vedi in questa immagine?

    Un indovinello per chi è qui stato qui varie volte …

    Lagerfeuer im archeoParc-Freilichtbereich<br/>Focolare nell’area all’aperto dell‘archeoParc<br/>Fireplace at the outside area of the archeoParc<br/><br/>September 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Cosa si vede appoggiato sulla brace del falò nell’area all’aperto? Scrivetecelo a info@archeoparc.it entro il 30 settembre. Fra tutti i partecipanti sorteggiamo un vincitore che avrà in premio un biglietto famiglia.

    Visualizza il permalink
  • Ötzi Glacier Tour with Tamara Lunger

    All pictures:

    oegt-tamara-lunger-google-photo-share

    Google Photo Share

    Visualizza il permalink
  • Una carrellata di novità nel cantiere fra fine agosto e inizio settembre

    28 agosto: L’archeotecnico Wulf Hein ha portato dei rinforzi e in quattro giorni è stato fabbricato un monossile fatto e finito (o quasi) di sei metri di lunghezza. Prima del viaggio inaugurale sull’acqua bisogna riparare una crepa nel tronco dell’abete bianca e rifinire gli ultimi dettagli. Ma nel frattempo l’imbarcazione preistorica asciuga nell’ombra…

    Arbeiten für das neue Areal im Freilichtbereich<br/>Lavori nell’area nuova della zona all’aperto dell’archeoParc della val Senales<br/>Working for the new outside area of archeoParc <br/><br/>August 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    29 agosto: Il capocantiere Lukas Kuntner e Andreas Oberhofer della ditta Oberhofer Bau discutono dei lavori per la cantina dell’edificio che ospiterà il deposito e il laboratorio.

    Arbeiten für das neue Areal im Freilichtbereich<br/>Lavori nell’area nuova della zona all’aperto dell’archeoParc della val Senales<br/>Working for the new outside area of archeoParc <br/><br/>August 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    31 agosto: Un giorno di festa per tutti quelli che accompagnano le giornate neolitiche all’archeoParc: nell’edificio Parma-Via Guidorossi, destinato a ospitare i gruppi durante le giornate neolitiche, è stata inserita la pavimentazione in argilla…

    Arbeiten für das neue Areal im Freilichtbereich<br/>Lavori nell’area nuova della zona all’aperto dell’archeoParc della val Senales<br/>Working for the new outside area of archeoParc <br/><br/>August 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    2 settembre: Il colmo dell’edificio Villanuova sul Clisi-Monte Covolo è fatto:

    Arbeiten für das neue Areal im Freilichtbereich<br/>Lavori nell’area nuova della zona all’aperto dell’archeoParc della val Senales<br/>Working for the new outside area of archeoParc <br/><br/>August 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    6 settembre: L’edificio Villanders-Plunacker viene rivestito di argilla:

    Arbeiten für das neue Areal im Freilichtbereich<br/>Lavori nell’area nuova della zona all’aperto dell’archeoParc della val Senales<br/>Working for the new outside area of archeoParc <br/><br/>August 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Visualizza il permalink
  • Grandi e piccini costruiscono archi con Franz Tapfer e Ernst Gamper, settembre 2016

    Julia, Jennifer, Samuel, Jannik e Janik hanno partecipato insieme ai loro genitori ad un corso di due giorni ed hanno imparato a costruire arco e frecce. Adesso bisogna allenarsi per essere in forma per il torneo a fine settembre…

    Visualizza il permalink
  • Il sindaco di Senales Karl Josef Rainer partecipa alla conferenza stampa a Bolzano durante la quale vengono presentati gli eventi in programma per il 25esimo anniversario di Ötzi:

    Pressekonferenz anlässlich des 25jährigen Fundjubiläums von Ötzi im Landespressesaal im Palais Widmann in Bozen<br/>Conferenza stampa in occasione del Venticinquennale del ritrovamento del Uomo del ghiaccio presso la sala stampa della Provincia Autonoma di Bolzano <br/>Press conference on the 25th aniversary of the discovery of the Iceman at Bolzano<br/><br/>f.l.t.r. Karl Josef Rainer, Florian Mussner, Karin Dalla Torre Pichler, Angelika Fleckinger, Albert Zink<br/>September 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

     

    da sinistra: il sindaco di Senales Karl Josef Rainer, l’assessore provinciale ai musei Florian Mussner, la direttrice dei musei provinciali Karin della Torre Pichler, la direttrice del Museo Archeologico dell’Alto Adige Angelika Fleckinger e il direttore dell’Istituto per le mummie e l’Iceman dell’EURAC Albert Zink.

    Visualizza il permalink
  • 19.9.91

    La data del ritrovamento di Ötzi nel prato falciato del maso Obergamphof presso il lago di Vernago:

    Das Funddatum von Ötzi in einer gemähten Wiese in Vernagt<br/>La data del ritrovamento di Ötzi in un prato falciato a Vernago<br/> Mown meadow showing the date of the discovery of the Iceman 25 years ago <br/><br/>September 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Visualizza il permalink
  • Call for Papers Experimental Archaeology Conference in Leiden (NL)

    Please note this Call for Papers: The 10th Experimental Archaeology Conference is held over 20th to 22nd April 2017 at Leiden, Netherlands. The Call for Papers is currently open and will remain so until 1st September 2016. The organisers encourage papers that present new work in experimental archaeology, especially projects which strongly relate to the archaeological record or deal with ways of promoting experimental archaeology in academic research as well as communicating experiments to the academic community and to the public.

    EAC 10 is an EXARC associated event hosted by Leiden University, it runs annually at a variety of institutions across Europe.

    EAC Call for Papers

    Visualizza il permalink
  • Terzo Bolzano Mummy Congress

    In occasione del 25esimo anniversario della scoperta di Ötzi a Bolzano si terrà il terzo Bolzano Mummy Congress. Esperti di medicina, archeologia, antropologia, botanica ecc. discuteranno delle ricerche fatte e di quelle tutt’ora in corso su Ötzi e i ritrovamenti sul giogo di Tisa.

    Bolzano Mummy Congress Programma

    Fra il 19 e il 21 settembre parleranno nell’Aula Magna dell’EURAC di Bolzano: Albert Zink, Angelika Fleckinger, Frank Maixner, Valentina Coia, Amaury Cazenave-Gassiot, Marek Janko, Thomas Rattei, Andreas Keller, Günther Kaufmann, Walter Leitner, Hubert Steiner, Andreas Putzer, Umberto Tecchiati, Annaluisa Pedrotti, Gerhard Sperl, Gilberto Artioli, Ivana Angelini, Caterina Canovaro, Benno Baumgarten, Günther Kaufmann, Alex Barker, Edward Liebow, Emlyn Koster, Klaus Oeggl, James Dickson, Wolfgang Müller, Walter Kutschera, Paolo Gabrielli, Patrizia Pernter, Paul Gostner, Stephanie Panzer, Chiara Villa, Niels Lynnerup, Oliver Peschel, Alexander Horn, Ursula Wierer, Paola Salzani, Niall O’Sullivan, Carney Matheson, Manuel Lizarralde, Martin Callanan, Sandra Lösch, Amelie Alterauge, Oliver Gauert, Valeria Mattiangeli, Valentina Depellegrin, Beat Schmutz, Marco Samadelli, Ludwig Moroder, Marcello Melis, Maximilian Moser, Francesco Avanzini, Rolando Füstös, Piero Cosi, Andrea Sandi, Frank Rühli, Patrizia Pernter, Catrin Marzoli. Informazioni sul programma e su come prenotarsi trovate sul sito dell’EURAC.

    Martedi, 20 settembre dalle ore 18 alle ore 19 è prevista una tavola rotonda sulla morte di Ötzi e su nuove conclusioni legati ad essa. È un evento aperto al pubblico in lingua tedesca con traduzione simultanea. Di seguito ci sarà un aperitivo fino alle ore 20:30.

    L’Istituto per le Mummie e l’Iceman dell’EURAC Bolzano ha dato vita al Bolzano Mummy Congress sette anni fa. La ormai terza edizione del 2016 è stata organizzata dall’EURAC in collaborazione con il Museo Archeologico dell’Alto Adige.

    Visualizza il permalink
  • Discover the construction site

    Visualizza il permalink
  • Ötzi Glacier Tour con Tamara Lunger il 30 agosto

    Tamara Lunger

    Ogni martedì, da giugno ad aprile, l’Ötzi Glacier Tour porta sul luogo di ritrovamento di Ötzi, l’Uomo venuto dal ghiaccio, a 3.210 metri s.l.m. sul ghiacciaio senalese. L’escursione guidata attraversa il bellissimo paesaggio dell’arco alpino, passa per il luogo di ritrovamento di Ötzi e il rifugio Similaun e scende giù per la valle di Tisa. Tutti coloro che vogliono fare questa particolare esperienza in compagnia speciale devono segnarsi l’appuntamento del 30 agosto, quando Tamara Lunger accompagna l’Ötzi Glacier Tour. La giovane bolzanina è una delle scalatrici più note dell’Alto Adige e da quando, due anni fa, ha scalato il K2 senza ausilio di ossigeno e senza sherpas fa definitivamente parte dell’élite mondiale degli alpinisti.
    Ulteriori informazioni e prenotazione

    Visualizza il permalink
  • Visitor’s Book July 2016

    Ich fand es toll dass die Forscher so viel über Ötzi geforscht haben.
    Mona
    20.07.2016

    Il museo è bellissimo! Abbiamo visitato con molto interesse e curiosità. Ci siamo divertiti tantissimo
    Eleonora, Massimo e Irene, Firenze
    16.07.2016

    Ci è piaciuto tutto: tiro con l’arco e macinare come gli uomini primitivi.
    Alice e Matteo
    15.07.2016

    Very interesting. Thanks!
    Mikaela Deaton
    01.07.2016

    Visualizza il permalink
  • Discover the construction site

    I lavori nell’area all’aperto dell’archeoParc procedono e già si riesce ad immaginare che aspetto avrà l’estate prossima. Per tutti i curiosi e impazienti, che vorrebbero dare un’occhiata già adesso abbiamo organizzato un appuntamento imperdibile: l’11 agosto alle ore 11:00 Reinhold Kuppelwieser, comandante della stazione forestale di Naturno e coordinatore dei lavori nell’area all’aperto fa una visita guidata nel cantiere!

    Führung auf der Baustelle des neuen Areals im archeoParc-Freilichtbereich mit Archäotechniker Wulf Hein und Johanna Niederkofler<br/>Visita guidata sul cantiere con l’archeotecnico Wulf Hein e Johanna Niederkofler<br/>Visit to the construction site with Wulf Hein, expert in reconstruction archeology, and Johanna Niederkofler<br/><br/>July 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Gianni Bodini

    Visualizza il permalink
  • The conference of Herbert Niederfriniger on modern wood building techniques at archeoParc

    Visualizza il permalink
  • The archeoParc construction site on August 2nd

    Visualizza il permalink
  • Conferenza “Costruire con il legno oggi” all’archeoParc

    Invitiamo tutti gli interessati ad assistere a questo evento collaterale dell’attuale mostra temporanea “La casa di Ötzi. La ricostruzione di una capanna preistorica” mercoledì. 3 agosto alle ore 15:00. Il referente Herbert Niederfiniger, ex-guardia forestale, ha coordinato i lavori di ricostruzione delle prime capanne neolitiche dell’archeoParc nel 2001 e collabora ora con il comune di Senales e l’associazione museale per quanto riguarda la costruzione del nuovo deposito con officina e spazio multifunzionale.

    Il cofondatore della ditta Soligno Reinverbund srl sita a Prato nella Val Venosta, ci racconterà perché il legno sta guadagnando sempre più importanza come materiale edile e come lui stesso ha ideato un sistema innovativo per costruire con esso senza bisogno di colla o legature metallici.

     

    Visualizza il permalink
  • Contatti “Costruire e vivere con legno, argilla e paglia nel 2016”

    Hausporträt des Soligno-Massivholzhaus von Luisa Tentonello in Treviso in der Ausstellung „Ein Haus wie damals. Bauen mit Holz, Lehm und Reet seit 5.000 Jahren“ im archeoParc Schnalstal<br/>Reportage sulla casa in legno massiccio di Luisa Tentonello nella mostra „La casa di Ötzi. La ricostruzione di una capanna preistorica“ presso l’archeoParc della val Senales <br/>Video portrait on the solid wood house of Luisa Tentonello in a exhibition at archeoParc Val Senales<br/><br/>July-November 2016

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Siamo contenti che la mostra temporanea “La casa di Ötzi – La ricostruzione di una capanna neolitica” riscontri così tanti pareri positivi! Spesso i visitatori ci chiedono i contatti delle persone intervistate nella stazione video. Ecco i link ai loro siti:

    Luisa Tentonello
    Richard Fliri
    Fam. Christoph und Verena Wallnöfer

    Per chi volesse provare la sensazione di vivere in una casa di legno massiccio o di balle di paglia: La ditta soligno ha gia realizzato diversi strutture alberghiere in Alto Adige e nel Veneto e Richard Fliri propone alloggi per vacanze all’insegna della natura a Vallelunga nella Val Venosta.

    Visualizza il permalink
  • Ötzi Glacier Tour with Hans Kammerlander

    All pictures:

    google-photo-kammerlander

    Google Photo Share

     

     

    Visualizza il permalink
  • Construction site at June and July 2016

    Brescia-San Polo

    Villanders-Plunacker

    Parma-Via Guidorossi

    Visualizza il permalink
  • European Championship for Prehistoric Weapons

    We’re happy to announce the fifth Prehistoric Weapons European Championship close to Iceman’s discovery site in Val Senales valley/Italy on September 24-25!

    Information in English: www.archeoparc.it/PrehChamInfo_en.pdf
    Einladung in deutscher Sprache: www.archeoparc.it/PrehChamInfo_dt.pdf
    Invito in lingua italiana: www.archeoparc./PrehChamInfo_it.pdf
    Information en Français: www.archeoparc.it/PrehChamInfo_fr.pdf

    Looking forward to welcome you at our place!

    Here some happy memories from September 2015: http://bit.ly/1P59eVP

    Visualizza il permalink
  • Catalogo per la nuova mostra permanente

    Ci siamo quasi! Manca poco al rinnovo dell’esposizione permanente … Attualmente vari esperti di diverse discipline lavorano ai testi per il catalogo della mostra.

    Norme redazionali per i testi dei cataloghi e esempio di layout
    Schema in formato word

    Visualizza il permalink
  • Brescia-San Polo’s and Villanders-Plunacker’s last beams are placed

    The 8th of July we held a traditional topping out ceremony, the so called “Firstfeier” or “Richtfest” (this is how our friends from Germany call it). Many thanks to Reinald Tirler, Reinhold Kuppelwieser, Michael Stofner, Wulf Hein, Wolfgang Thiel and Lukas, Patrick, Ewald, Julian, Helmut, Karl, Sebastian, Finn and all the others for the marvellous work!!!!

    Enjoy the picture of the Brescia-San Polo house with the beautiful pinus cembra we placed atop of the new building:

     

    Visualizza il permalink
  • Inaugurazione „La casa di Ötzi“

    Ieri è stata inaugurata la mostra temporanea “La casa di Ötzi – La ricostruzione di una casa preistorica”. La mostra è frutto della collaborazione tra l’archeologa lombarda Raffaella Poggiani, l’archeotecnico tedesco Wulf Hein, i fotografi venostani Gianni Bodini e Fritz Götsch, e la direttrice dell’archeoParc Johanna Niederkofler. Documenta la ricostruzione dell’edificio A dello scavo di Brescia-San Polo nella nuova area all’aperto dell’archeoParc e riporta testimonianze di persone che costruiscono e abitano case fatte degli stessi materiali di 5000 anni fa.

    Una mostra per curiosoni: abbiamo nascosto le foto di Gianni Bodini dietro una recinzione di cantiere… sbirciate e scoprite un pezzettino di mondo preistorico! La torre tattile permette di toccare con mano legno, vimini e canna palustre e le interviste a Luisa Tentonello, Richard Fliri  e Christoph e Verena Wallnöfer, tutti quanti proprietari di case ecocompatibili, spiegano che materiali edili naturali sono tutt’ora una valida alternativa. Ecco qualche immagine della piccola mostra:

    Visualizza il permalink
  • We’ll open the exhibition on building the Parma-San Polo house on Sunday at 10 am. Looking forward in seeing you!

    Visualizza il permalink
  • Visitor’s Book June 2016

    Wir hatten sehr viel Freude, besonders im Außenbereich. Hier hat uns ein hervorragender Führer in sehr geduldiger, interessanter u. freundlicher Weise begleitet. Wir bedanken uns besonders bei ihm.
    Gotthard u. Rita Kleß aus dem Schwarzwald/Deutschland
    8.6.2016

    Siamo venuti al museo di ÖTZI e ci siamo divertiti molto, GRAZIE ÖTZI
    16.06.2016

    Thank you for all I learned about this important era.
    27.6.2016

    Visualizza il permalink
  • Archeologists from the universities of Trento and Münster visiting the construction site of Villanders-Plunacker house

     

     

    Visualizza il permalink
  • Associazione turistica Val Senales festeggia i 25 anni del ritrovamento di Ötzi con i suoi ospiti

    Sono passati quasi 25 anni da quando, nel settembre 1991, fu trovato Ötzi nella Val Senales. In occasione dell’anniversario si organizzeranno varie manifestazioni: giornate di apertura al pubblico, feste, una conferenza scientifica a Bolzano, nel Ötztal e nella val Senales. L’associazione turistica Val Senales ha ideato una cosa speciale per gli ospiti degli alloggi della valle e tutti gli interessati: la Ötzi25-Card. Con questa carta si può partecipare a eventi culinari e sportivi, ricevere ingressi ridotti e visitare gratis l’archeoParc. Ulteriori informazioni sul sito dell’associazione turistica e dagli organizzatori.
    >> Associazione Turistica Val Senales

    ÖtziCard 25

    Visualizza il permalink
  • La terra e il ghiaccio raccontano…

    Giovedì, 9 giugno 2016: Presentazione di ricerche archeologiche recenti dalla val Venosta con Dr. Hubert Steiner e Dr. Andreas Putzer. Di seguito l’aperitivo con degustazione di formaggi della malga Penaud.

     

    Visualizza il permalink
  • I progressi del nostro cantiere nell’ area all’ aperto!

     

    Visualizza il permalink
  • Visitor’s Book May 2016

    Es war toll, spannend, lustig, cool…tolle Sachen zu machen!!! Wir kommen wieder. – Nina
    22.05.2016

    Es war sehr schön hier und besonders gut hat mir das Speckstein schleifen gefallen. – Maya
    24.05.2016

    Le classi 3A e 3B di Riva del Garda sono rimaste entusiaste del museo e delle attività proposte! Grazie!
    25.05 2016

    I really liked the museum! – Mark
    27.05.2016

    Questo museo è spettacolare! Inoltre questa gita è stata la più bella dell’anno. – Giorgia Merli
    27.05.2016

    Visualizza il permalink
  • Per tutti gli aiutanti “boscaioli” che ci hanno dato una mano a piantare alberi…

    Ötzi usava tanti tipi di alberi e arbusti diversi per accendere il fuoco e fabbricarsi attrezzi, armi, recipienti, corde ecc. Chi trova tutte le piante legnose scoperte con lui sul giogo di Tisa?



     

    Visualizza il permalink
  • Piantare alberi all’archeoParc

    Qualche immagine dei nostri due appuntamenti per “aiutanti boscaioli”: il 18 maggio gli alunni delle scuole elementari di Senales e il 22 maggio, la giornata internazionale dei musei, i visitatori del museo hanno avuto l’occasione di piantare alberi conosciuti già ai tempi di Ötzi nel terreno dove sorgerà presto la nuova area all’aperto dell’archeoParc.

    Visualizza il permalink
  • The memory game “Cimelia”

    As you probably know, “Cimelia” is the name of the current exhibition of the South Tyrolean photographer Daniela Brugger at the archeoParc-Cafeteria. It means “little treasures”. Let’s play with some of the pictures of the exhibition…



    How many clicks did you need?

    Visualizza il permalink
  • L’inaugurazione di “Cimelia”

    Eröffnung der Fotoausstellung „Cimelia“ von Daniela Brugger aus Karthaus<br/>Inaugurazione di „Cimelia“, una mostra della fotografa senalese Daniela Brugger<br/>Opening of the photography exhibition by the South Tyrolean photographer Daniela Brugger

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Visualizza il permalink
  • Visitor’s Book April 2016

    Die Führung durch das Museum war super beeindruckend!  – Klasse 4b GS Naturns
    19.04.2016

    Si congratula per il bellissimo museo. – Matilde e Giorgina e Gigi
    24.04.2016

    Oggi mi sono divertito un sacco. – Filippo M.
    24.04.2016

    I hope to see again – Mill
    26.04.2016

    Visualizza il permalink
  • Excavator started digging

    The archeoParc will open new house reconstructions in autumn. Site work started today:

    Visualizza il permalink
  • La prima vita del nostro monossilo!

    I nostri aiutanti della guardia forestale hanno individuato, segnato e abbattuto l’abete bianco sul monte Tramontana a Naturno, che verrá trasformato a breve nel primo monossilo dell’archeoParc! L’albero ha uno spessore di circa 70 cm e ha 150 anni.

     

    Visualizza il permalink
  • Abolizione delle Soprintendenze Archeologiche?

    Il Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo sta facendo una serie di riforme che mettono a rischio la tutela del patrimonio archeologico italiano. L’ultimo decreto comporta l’abolizione delle Soprintendenze Archeologiche e la creazione di Soprintendenze miste; sono inoltre anche a rischio le norme per l’archeologica preventiva. Vi chiedo di aiutarci e di firmare l’appello al Ministro che trovate sotto il seguente link. Grazie del Vostro aiuto!

    https://www.change.org/p/dario-franceschini-salviamo-l-archeologia-italiana-save-the-italian-archaeology?recruiter=472651306&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink

    Visualizza il permalink

2015

  • 5th European Championship for Prehistoric Weapons in Val Senales

    We are pleased to preannounce the 5th Val Senales Championship the last weekend of September 2016 (September 24-25). We are gladly looking forward to the event!

    Visualizza il permalink
  • European Championship for prehistoric Weapons 2015

    We are thankful for the fantastic time we spent together! Please find here some of the pictures Peter took:

    botu15

    (http://bit.ly/1P59eVP)

    Ranking list: archeoparc.it/documents/PreChamRank.pdf

    P.S. The next Val Senales Championship will take place the last weekend of September 2016 (September 24-25).

     

    Visualizza il permalink
  • How old am I?

    Dal 15 al 30 settembre nella mostra “Ma Ötzi, che lingua parlava?”:
    Indovinello sull’origine delle parole

    Nelle vetrine della mostra temporanea abbiamo nascosto otto parole. Trovatele e cercate di metterle in ordine: dalla più antica alla più recente. Per partecipare all’estrazione imbucate la scheda compilata nella sfera di vetro.
    L’8 ottobre, in occasione della conferenza del Dr. Johannes Ortner sui toponimi della val Senales, verranno estratti a sorte i tre vincitori. Vi aspettano seguenti premi:

    1.premio: un essay con un analisi del proprio nome e cognome scritto dal Dr. Ortner
    2.pemio: un corso di lingua a scelta all’università popolare di Merano
    3.premio: un buono per l’acquisto di un libro nella libreria Alte Mühle

    Buon divertimento!

    Ratespiel zum Alter von Wörtern anlässlich des Europäischen Tages der Sprachen<br/>Indovina indovinello sull'origine delle parole<br/>Quiz game "How old am I?"

    archeoParc Schnalstal, photo: Santer Peter

    Ratespiel zum Alter von Wörtern anlässlich des Europäischen Tages der Sprachen<br/>Indovina indovinello sull'origine delle parole<br/>Quiz game "How old am I?"

    archeoParc Schnalstal, photo: Santer Peter

     

    Visualizza il permalink
  • Ötzi Glacier Tour with Simon Gietl

    We had a wonderfull day together with Simon on our glacier on September 1.
    Find here some of the pictures Robert took:

    ötziglaciertoursimongietl

    Album: http://bit.ly/1EXXtOw

     

    Visualizza il permalink
  • Ötzi Glacier Tour with Reinhold Messner

    Find here some pictures of our fantasic trip to the discovery site of the Iceman on July 27:

    ötzi glacier tour messner gallery: https://goo.gl/photos/rQysUA3kQZnqV3dH6
    Show gallery

     

    Visualizza il permalink
  • Exhibition Chat with the Italian linguist Simona Marchesini

    Exhibition chat with Simona Marchesini

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Visualizza il permalink
  • 4th Prehistoric Weapons European Championship in Val Senales

    Dear all,

    we’re happy to announce the forth Prehistoric Weapons European Championship close to Iceman’s discovery site in Val Senales valley/Italy on September 26-27!

    Information in English: www.archeoparc.it/BoTuInfo_en.pdf
    Einladung in deutscher Sprache: www.archeoparc.it/BoTuInfo_de.pdf
    Invito in lingua italiana: www.archeoparc.it/BoTuInfo_it.pdf
    Information en Français: www.archeoparc.it/BoTuInfo_fr.pdf

    Looking forward to welcome you at our place,
    Johanna Niederkofler

    P.S. Some happy memories from September 2014: http://bit.ly/1s1ONcs

    Visualizza il permalink
  • Il nuovo consiglio amministrativo 2015-2019

    Neuer Vorstand Museumsverein</br>Nuovo consiglio amministrativo dell'associazione museale</br>New board members

    archeoParc Schnalstal, photo: Simone Bacher

    La presidente Sonja Santer con i membri Patrizia Pixner, Otto Rainer e Gerhard Müller (da sinistra a destra) con il sindaco Karl Josef Rainer e l’ex-presidente Alexander Rainer.

    Visualizza il permalink
  • Inaugurazione della mostra “Ma Ötzi, che lingua parlava?”

    Ieri è stata inaugurata la mostra “Ma Ötzi, che lingua parlava? Parlare e scrivere ieri e oggi.”. La mostra è stata curata dalla linguista Simona Marchesini di Verona insieme alla direttrice dell’archeoParc della val Senales, Johanna Niederkofler. La mostra è aperta al publico fino al 1 novembre.

    Kuratorin Simona Marchesini mit Museen-Landesrat Florian Mussner (rechts)und Bürgermeister Karl Josef Rainer (links)<br/>La curatrice Simona Marchesini con l’assesore provinciale Florian Mussner e il sindaco del comune di Senales Karl Josef Rainer<br/>Opening ceremony of the exhibition on the history of languages together with the curator Simona Marchesini an politicians

    archeoParc Schnalstal, photo: Gianni Bodini

    Danke an das archeoParc-Team <br/>Grazie allo staff dell‘archeoParc<br/> Many thanks to all of the staffmembers of archeoParc

    archeoParc Schnalstal, photo: Gianni Bodini

    Kuratorenführung in der Sonderausstellung<br/>Visita guidata delle curatrici lungo il percorso della mostra temporanea <br/>Guided tour at the temporary exhibition

    archeoParc Schnalstal, photo: Gianni Bodini

    Visualizza il permalink
  • Un intervista con le curatrici della mostra “Ma Ötzi, che lingua parlava?”

    Domenica sarà inaugurata la mostra temporanea di quest’anno. Simone Bacher ha incontrato le curatrici Simona Marchesini e Johanna Niederkofler per un intervista:

    Di cosa parla la mostra?

    Johanna Niederkofler: La mostra cerca di spiegare la storia della lingua dalle origini fino alle lingue contemporanee. Abbiamo scelto di focalizzare in particolare le lingue e le scritture locali. Presentiamo anche dei precursori della scrittura e ci chiediamo come anche ai giorni nostri alcune società possano vivere ed esprimersi senza scrittura.

    Simona Marchesini: Ci siamo concentrati particolarmente su dei fenomeni tipici della regione – come il plurilinguismo/multilinguismo- e ovviamente sui tempi di Ötzi. Siamo partiti dalla situazione linguistica del primo millennio avanti Cristo, che, grazie a documenti scritti, conosciamo meglio delle epoche precedenti, per formulare delle ipotesi sui tempi più antichi.

    Johanna Niederkofler: Ogni lingua segue una sua logica. La mostra racconta anche di questa pluralità di strategie comunicative. Vorremmo stimolare i visitatori/le visitatrici a confrontare le lingue e le varietà di lingue che parlano, scoprendo le loro similitudini e differenze.

    Come è nata l’idea della mostra?

    Simona Marchesini: Lo scorso autunno ci siamo incontrate a un convegno in Austria e abbiamo chiacchierato a lungo. Così è nata l’idea.

    Johanna Niederkofler: Spesso io ed il mio team siamo chiamati dai visitatori a confrontarci sulla domanda se Ötzi parlasse e quale fosse la sua lingua. Con la dott.ssa Marchesini ho conosciuto la persona adatta per affrontare questa domanda e crearci intorno una mostra. Sia lei, sia l’istituto che presiede, Alteritas – Interazione tra i popoli, si occupano da anni dello scambio interculturale in società moderne e storiche. Condividiamo inoltre la passione e la curiosità di trovare analogie e differenze nelle varie epoche storiche e di renderle accessibili a tutti.

    Simona Marchesini: Da subito abbiamo scoperto un interesse comune nell’indagare l’attualità dei dati antichi. La dott.ssa Niederkofler si è mostrata molto interessata alle mie tematiche linguistiche e le Sue domande sulle lingue parlate ai tempi di Ötzi e in generale mi hanno motivata ad accettare la collaborazione. L’archeologia e la linguistica sono due discipline molto diverse ma allo stesso tempo anche molto connesse. Guardandomi indietro devo dire che trattare delle domande fondamentali della storia dell’umanità – come lo sono quelle legate alla lingua – e renderle accessibili a un pubblico più ampio è stata per me un esperienza molto appagante.

    Cosa sappiamo oggi sulla situazione linguistica ai tempi di Ötzi?

    Simona Marchesini: Purtroppo non abbiamo fonti scritte sulla situazione linguistica dell’arco alpino nel III millennio a.C. Però partendo dallo scenario linguistico dell’età del Ferro è possibile formulare delle ipotesi. È probabile che ai tempi di Ötzi la situazione fosse simile a quella dell`età del Ferro e ancor prima del Bronzo, e che si parlassero nella zona in primo luogo il Retico, lingua non indo-europea, ce alcune lingue indogermaniche come ad esempio il Celtico.

    A quale epoca risalgono i documenti scritti più antichi della nostra regione?

    Simona Marchesini: I documenti più antichi risalgono alla fine del VI secolo a.C.. All’epoca i Reti, o meglio le loro ’élites, hanno imparato l’alfabeto probabilmente dagli Etruschi insediati nella pianura padana. La scrittura per loro dev’essere stata un segno sfarzoso del loro potere. Tra l’altro fu usata per dare risalto e per confermare doni fatti a persone e a divinità. Queste iscrizioni di consacrazione e di donazione le conosciamo anche da altre aree culturali dell’Italia antica e anche per periodi più tardi, come l’epoca cristiana.

    A quale pubblico si rivolge la mostra?

    Johanna Niederkofler: La mostra è rivolta a chiunque abbia voglia di riflettere su perché il mondo di oggi sia così com’è e su cosa abbia portato alla situazione odierna.

    Simona Marchesini: Il target che abbiamo in mente sin dall’inizio è l’insieme variopinto dei visitatori e delle visitatrici dell’archeoParc.

    Johanna Niederkofler: In particolar modo abbiamo pensato a tutte le persone che tornano da noi più volte e ci fanno domande proprio su questa tematica. Non ci stiamo rivolgendo sicuramente a un pubblico di professionisti o a chi è poco interessato a un approfondimento. Spero che la mostra riesca ad ampliare il cerchio dei visitatori e delle visitatrici che capiscono ed apprezzano l’organizzazione linguistico-federativa delle nostre proposte.

    Esponete diversi oggetti nella mostra sulla lingua. Cosa possiamo aspettarci?

    Simona Marchesini: È dall’inizio dei preparativi che discutiamo su quali oggetti si prestino per illustrare la lingua e la sua storia. Dalle epoche recenti abbiamo preso delle registrazioni sonore, dalle quelle più antiche a parte qualche accenno indiretto, abbiamo invece praticamente soltanto testimonianze scritte di singole lingue.

    Johanna Niederkofler: Alla fine abbiamo optato per degli oggetti che cercano di invogliare il visitatore a riflettere sulle diverse funzioni della lingua parlata e soprattutto scritta: dalla lista della spesa al nodo nel fazzoletto, dalla dedica religiosa su un piatto di portata ai segni di proprietà incisi sulle orecchie degli animali o alle tacche intagliate su stecche di legno che fissano diritti e doveri.

    E il visitatore può fare qualcosa nella mostra?

    Johanna Niederkofler: Certo. Come da consuetudine qui all’archeoParc in ogni mostra offriamo qualcosa per tenere impegnati sia la testa sia le mani. Concretamente ciò significa che si può per esempio realizzare una tavoletta di argilla e inciderci segni di varie scritture. Noi mettiamo a disposizione materiali e attrezzi e invitiamo tutti a sfruttare le proprie capacità – manuali e linguistiche – per creare una traccia scritta della loro visita.

    Visualizza il permalink
  • Mostra fotografica di Gianni Bodini

    I lavori di Gianni Bodini sono da vedere al Caffè del museo fino ad Aprile 2016.

    Fotoausstellung von Gianni Bodini in der archeoParc-Cafeteria<br/>Mostra fotografica di Gianni Bodini<br/>Photography exhibition by Gianni Bodini

    archeoParc Schnalstal, photo: Gianni Bodini

    Visualizza il permalink

2014

  • 3rd European Championship for Prehistoric Weapons in Val Senales

    Dear participants,

    it’s almost four weeks since the championship in Val Senales… Thank you very much for your kind emails and feedback we get as soon as you returned home. For us it was a fantastic time too, lots of nice things happened and we enjoyed the by now known good atmosphere very much. Marvelous weekend! Once again, thank you for coming!

    Meanwhile we’ve managed to put online the pictures and the ranking list we wanted to share with you. So, if interested, please find some of the pictures Peter took (http://bit.ly/1s1ONcs) and download the ranking list (archeoparc.it/documents/PrehChamRank14.pdf).

    Last but not least we are pleased to announce the 4th Val Senales Championship the last weekend of September 2015 (September 26-27) and we are very gladly looking forward to welcome you again at our place!

    Hugs and greetings from Val Senales,
    Johanna and team

    Visualizza il permalink
  • Inaugurazione della mostra “Il flauto”

    Ieri all’archeoParc: È stata inaugurata la mostra “Il Flauto. Dalle origini ad oggi”. La mostra sulla storia degli strumenti musicali aerofoni è nata dalla collaborazione tra l’archeoParc Val Senales e Edith Exo, musicista e costruttrice di flauti dalla Bassa Sassonia, Germania. All’inaugurazione ieri oltre alle curatrici Edith Exo e Johanna Niederkofler erano presenti il sindaco del comune di Senales e il presidente dell’associazione museale. La mostra si può vedere al terzo piano fino al 2 novembre.

    Scopri di più:

    Visualizza il permalink

2013

  • 2nd European Championship for Prehistoric Weapons in Val Senales

    Find here the pics Peter took and the ranking list. Thank you for coming!!!

    googleplusphotostreampetersanter13

    Visualizza il permalink
  • Inaugurata la mostra “Sulle sponde”

    Attualmente si conoscono trentasei specie ittiche che popolano le acque dell’Alto Adige. Fiumi, laghi e torrenti da pesca ammontano a 2.800 ettari e sono frequentati ogni anno da 14.000 pescatori sportivi.

    La mostra, che si può vedere fino al 3 novembre presso il Caffè del museo, raccoglie le immagini realizzate nel 2013 da Alexander Alber, giovane fotografo bolzanino, durante l’apertura della stagione di pesca sul lago di Vernago in Val Senales, un appuntamento tradizionale che ogni 1° maggio richiama decine di appassionati…

    Fotoausstellung von Alexander Alber<br/>Mostra fotografica di Alexander Alber<br/>Photography exhibition by Alexander Alber

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Fotoausstellung von Alexander Alber<br/>Mostra fotografica di Alexander Alber<br/>Photography exhibition by Alexander Alber

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Visualizza il permalink
  • Mostra “Che pesci pigliare”

    Ieri all’archeoParc: È stata inaugurata la mostra “Che pesci pigliare” sulla storia della pesca, che è nata dalla collaborazione tra l’archeoParc Val Senales e Jörg Nadler, pescatore professionale e archeotecnico dello Schleswig-Hohlstein, Germania.

    Eröffnung der Ausstellung zur Kulturgeschichte der Fischerei im Beisein von Andreas Riedl, Präsident des Südtiroler Fischereiverbands, der Kuratoren Jörg Nadler und Johanna Niederkofler, Bürgermeister Karl Josef Rainer, dem Präsidenten unseres Trägervereins, Alexander Rainer, und Silvano Pergher für den Fischerverein Schnals<br/>Inaugurazione della mostra sulla storia della pesca<br/>Opening of the exhibition on the history of fishing

    private, photo: Günther Schöpf

    Ernst Gamper und Johanna Niederkofler freuen sich über ein besonderes Geschenk von Fischer Stefan Spechtenhauser anlässlich der Eröffnung der Fischereigeschichte-Ausstellung <br/>Inaugurazione della mostra sulla storia della pesca<br/>Opening of the exhibition on the history of fishing

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Scopri di più:

     

    Visualizza il permalink

2012

  • 1st European Championship for Prehistoric Weapons in Val Senales valley

    Thank you all for these fabulous days we spent together!

    The videoclip from Fritz:

    And here some of the pictures Thierry took.

    Here you find the ranking list.

    Looking forward to seeing you next year!

    Visualizza il permalink
  • Traccia audio della conferenza di Gianni Bodini

    Il 1 agosto 2012 Gianni Bodini, fotografo di Silandro, ha tenuto una conferenza all’archeoParc spiegando tramite immagini e a parole la transumanza praticata da centinaia di anni nella Val Senales: a giugno i greggi partono, attraversano il ghiacciaio senalese e raggiungono infine i pascoli estivi nel Ötztal austriaco. Ecco la registrazione audio della conferenza:

    Tutte le conferenze

     

    Visualizza il permalink
  • Ausstellung “Spinnst du?” eröffnet

    Seit dem Wochenende ist die Ausstellung “Spinnst du?” im archeoParc zu sehen. Sie wurde von der Archäologin Ulrike Claßen-Büttner aus Walting (D) für das Römer und Bajuwaren Museum Kipfenberg gestaltet und ebendort 2009 erstmals gezeigt. Es geht um die Kulturgeschichte des Spinnens.

    Der Schnalser Bürgermeister Karl Josef Rainer, der Präsident unseres Trägervereins, Alexander Rainer, und die Archäologin und Ausstellungsgestalterin Ulrike Claßen-Büttner (D) bei der Eröffnung der Ausstellung zur Kulturgeschichte des Spinnens im archeoParc<br/>Inaugurazione della mostra Filo fuso<br/>Opening ceremony of the exhibition on spinning by Ulrike Claßen-Büttner (D)

    archeoParc Schnalstal, photo: Doris Rainer

    Ein Blick in die Ausstellung:

    Visualizza il permalink
  • International Flintknapping Symposium

    The fifth edition of the Flint Knapping Symposium took place at archeoParc Val Senales this year. The practical annual conference in training and continuing.

    Find here the posts from archaeoforum.de, some pictures Johanna took, and the videoclip from Wulf:

    Visualizza il permalink
  • Paleolithic Festival in Corea del Sud

    Visualizza il permalink

2011

  • Una serata musicale francese in occasione dell’ultimo giorno di apertura di  della mostra fotografica “Mémories”

    Je ne regrette rien, Et maintenant, La vie en rose… Chi non le riconosce, queste canzoni e tormentoni dei tempi passati? Questa serata di Chansons con testi intramontabili e melodie indimenticabili era un’esperienza musicale molto speciale.

    Quattro giovani musicisti austriaci ci permettevano di prendere visione della varietà delle canzoni francesi: Elisabeth Hofer (voce, chitarra), Martin Rockenschaub (piano, clarinetto), Theresa Adlberger (violino) e Alexander Dollfuß (piano, percussioni). Il concerto è stato organizzato in occasione della finissage della mostra temporanea “mémoires” della fotografa francese Claire Artemyz.

     

    Französischer Liederabend mit Elisabeth Hofer, Martin Rockenschaub, Theresa Adlberger und Alexander Dollfuß anlässlich der Finissage der Fotoausstellung Mémoires<br/>Serata musicale francese in occasione dell’ultimo giorno di apertura della mostra Mémoires<br/>A night of French chansons on the occasion of the last opening day of Mémoires

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Französischer Liederabend mit Elisabeth Hofer, Martin Rockenschaub, Theresa Adlberger und Alexander Dollfuß anlässlich der Finissage der Fotoausstellung Mémoires<br/>Serata musicale francese in occasione dell’ultimo giorno di apertura della mostra Mémoires<br/>A night of French chansons on the occasion of the last opening day of Mémoires

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Visualizza il permalink
  • Conference on adult repeat visitors in archeological open-air museums

    The conference “Adult Repeat Visitors” was one of the events of a two-year European Union funded Learning Partnership called “Didarchtik”, its aim was to empower the project partners to improve their adult education services at Archeological Open Air Museums and at other institutions of education in ancient technologies. The conference took place at archeoParc on September 20-23.
    Conference Program

    Conference opening with Sigrid Prader, chair of the umbrella association of the private museums in South Tyrol, and Karl Josef Rainer, the major of Senales muicipality:

    Welcome and introduction to the conference "Wir kommen wieder. Ritorneremo. We'll come back" on adult repeat visitors in archeological open-air museums with archeoParc-director Johanna Niederkofler, major of Senales municipality Karl Josef Rainer, chair of Südtiroler Museumsverband Sigrid Prader, and chair of the archeoParc museum-association board (from left to right) <br/>September 2011

    archeoParc Schnalstal, photo: Dario Ferroni

    Speech of Sigrid Prader, chair of the umbrella association of the private museums in South Tyrol "Südtiroler Museumsverband", at the conference "We'll come back" on adult repeat visitors in archeological open-air museums<br/>September 2011

    archeoParc Schnalstal, photo: Dario Ferroni

    The lectureres:

    Flickr Foto Stream of the conference days:

    flickr_adult_repeat_visitors

     

     

    Visualizza il permalink
  • Journalist’s research trip to Ötztal and Schnalstal in occasion of the 20th anniversary of the discovery of the Iceman

    Visualizza il permalink
  • Inaugurata la mostra tematica di quest’anno

    Sabato scorso è stata inaugurata la mostra “Tiro con l’arco ieri e oggi”,  Racconta la storia della costruzione e dell’uso dell’arco ed è stata realizzata in collaborazione tra Archäologisches Freilichtmuseum Oerlinghausen, Germania, ed il qualificato archeotecnico tedesco Christian Schürmann. Nel 2009 la mostra è stata allestita al suddetto museo nel Nordreno – Vestfalia per la prima volta.

    Eröffnung der Ausstellung „Steinzeitjagd und Bogensport“ mit Vereinspräsident Alexander Rainer, Museumsleiterin Johanna Niederkofler, Kurator Christian Schürmann und Bürgermeister Karl Josef Rainer<br/>Inaugurazione della mostra „Tiro con l’arco ieri e oggi“<br/>Opening ceremony of the archery exhibition 2011

    archeoParc Schnalstal, photo: Günther Neumair

    Visualizza il permalink
  • Erika Simon in visita all’archeoParc

    Die Ötzifinderin Erika Simon im archeoParc zu Besuch, am Bild im Freilichtbereich mit unseren Mitarbeitern Irene Egger und Ernst Gamper und Vereinspräsident Alexander Rainer<br/>Erika Simon che nel ´91 ha scoperto l’Uomo venuto dal ghiaccio sul luogo di Tisa in visita all‘archeoParc <br/> Erika Simon visits the archeoParc. She is the discoverer of the Iceman.

    archeoParc Schnalstal, photo: Johanna Niederkofler

    Visualizza il permalink
  • Opening of “Memories”

    Since Saturnday the photography exhibition “Memories” is open.

    The french artist Claire Artemyz inivites to a photographic promenade in the past, from fossil world and the beginnings of human life on earth, to the early times of history. Claire Artemyz is a French artist, with a life sience background. She uses photography as a medium, to question the notion of identity and body envelope. Her images show thousands or even millions of years old objects commonly on display in several french museums with a new perspective, due to photographic teqniques like as close-up and the work on light. This way she reveals original landscapes…

     

    Die französische Fotografin Claire Artemyz bei der Eröffnung ihrer Ausstellung „Memories“ <br/>La fotografa francese Claire Artemyz all‘inaugurazione della sua mostra „Memories“<br/>The french fotographer Claire Artemyz at the opening ceremony of her exhibition „Memories“

    archeoParc Schnalstal, photo: Rebecca Santer

    Vereinsvorsitzender Alexander Rainer, archeoParc-Leiterin Johanna Niederkofler, die Pariser Fotografin Claire Artemyz und der Schnalser Bürgermeister Karl Josef Rainer bei der Eröffnung der Fotoausstellung „Memories“ von Atremyz<br/>Inaugurazione della mostra fotografica „Memories“<br/>Opening ceremony of the photography exhibition „Memories“

    archeoParc Schnalstal, photo: Rebecca Santer

    The artist about “Memories”:

    Among the multiple species of fossils –and new ones are constantly discovered all over the planet- some are very famous. They refer to mythic animals, which support our imagination and help us imagine what life might have been on earth, in the early times, before the occurrence of Man and during Prehistoric times.

    Ammonites and dinosaurs belong to the first group: emblematic animals of the very beginnings.
    They seem to have lived all over the globe, the first in the seas, the second on the ground. And they disappeared in mysterious circumstances, at about the same period. Researchers have tried for many years to understand the circumstances of dinosaurs’ extinction!
    The first group of photos show various ammonites. These marine inhabitants could measure from under one centimetre in diameter to over one meter, they could also be curved or un-curved. When growing, the animal inside the shell would build another compartment, linked to the previous one by a suture. Living in the last compartment, it used the ancient ones to contain air which it used like submarines, to go up and down in the water, chasing the air through siphons (the photo “Achille’s helmet shows siphons and sutures).

    The occurrence of egg enabled the new species to gain autonomy and explore the surface of the Earth.
    Dinosaurs would lay many eggs, as shown in the photos “Left there”. The eggs shown in these photos never hatched, but remained trapped in their sediment, well preserved for scientists to study them and people visiting museums to admire these witnesses of a remote past, triggering our imagination!

    Fossil bird and fossil egg shown here rise the usual and unsolved question: what comes first?

    In the early times, over thousands of centuries, geological events gave rise to drastic climatic changes and earth major modifications, which resulted in species extinctions.
    Later, the occurrence of Man also led to species extinctions, but at a much greater rate!
    Aepyornis egg testifies of this regrettable phenomenon. The egg shown here (about 40 cm in its bigger dimension), belongs to one of these huge birds recently disappeared (exact period unknown, about XVIIth century, in Madagascar).It was a giant bird, 3m high, over 500kg, it eggs could weigh as much as 12kg!

    Among animals living at the time of the first Homo sapiens, the mammoth is very famous and popular.
    Here is shown the inside of a femur.
    Carnivorous animals were one of the dangers man had to cope with.

    We have here two “portraits” of skulls: one of Neanderthal Man, this extinguished specie, and the other of Cro-Magnon, our direct ancestor.
    The close-up exploration of these skulls give rise to landscapes, which can be interpreted according to our imagination.

    Some animals are known to use tools, but Man is the only living creature who modified deeply the stone material, and carved it to give it special shapes.
    Here, we see some carved flint stones and a bronze axe.

    With his tools, Man made art as shown with Venuses and, later with the “Tattooed warrior”.
    We do not know anything about the use of these mysterious but highly beautiful feminine figures. A few centimetres high, they were carved from Magdalenian to Gravettian period, using mammoth ivory, bone or sometimes stone.
    Quite a few were found near Grimaldi, in Italy, by Louis Alexandre Julien, between 1883-1895. They are mostly made out of green steatite. One of them, shown here, is a little head, a few cms.

    Unfortunately, Man is a violent animal and some of his tools were used to kill his brothers!
    As shown in the photos, Ötzi’s fate is not an isolated case!

    Claire Artemyz

    Visualizza il permalink

2010

  • L’archeoparc in TV: Una porta sul Passato

    Estratti della produzione per la sede di Bolzano della RAI sotto la regia di Roberto Condotta:

     

    Visualizza il permalink
  • 2nd European Textile Forum in Val Senales

    Find here Harma P’s Flickr photostream of these fantastic days we had together. Thank you so much for coming!

    Visualizza il permalink
  • Ci visitano i colleghi del Museo delle Palafitte del lago di Ledro

    Ritorna dalla caccia il contadino del villaggio: Taracen. Assente da molte lune ritorna con le pellicce degli animali cacciati e poi conciati: una volpe, una martora e un capriolo. L’immagine di felicità che vede sui volti della sua gente lo ricompensa delle lunghe serate trascorse in solitudine…. Così iniziava “Living Prehistory – Vita e suoni dalla Preistoria”, lo spettacolo dei nostri colleghi del Museo delle Palafitte del lago di Ledro.

    Grazie a Otzi, Bacmor, Saba, Massangla, Taracen per la giornata indimenticabile!

    Besuch von unseren Kollegen des Pfahlbaumuseums am Ledrosee im Trentino<br/>Ci visitano i colleghi del Museo delle Palafitte di Ledro<br/>"Living Prehistory" by our colleagues from Pile Dwelling Museum of Ledro close to the Garda Lake

    archeoParc Schnalstal, photo: Irene Egger

    Visualizza il permalink
  • Inaugurazione “Il fuoco. Buon servitore, cattivo padrone”

    Ieri è stata inaugurate al mostra temporanea di quest’anno. Insieme a Dr. Rainer Hoffmann, direttore del museo Fränkische Schweiz Museum (D), e il sindaco di Senales, Karl Josef Rainer. La  mostra ‘Il fuoco – buon servitore, cattivo padrone’ è stata realizzata dal Fränkische Schweiz Museum di Tüchersfeld. Nel 2009 la mostra è stata allestita al suddetto museo nella Franconia.

    La mostra è aperta al pubblico fino al 7 novembre.

    Dr. Rainer Hoffman, Direktor des Fränkische Schweiz Museums in Tüchersfeld (D) und Bürgermeister Karl Josef Rainer bei der Eröffnung der Ausstellung „Feuer, Fluch und Segen“<br/>Inaugurazione della mostra „Il fuoco. Buon servitore, cattivo padrone“<br/>Inauguration of the exhibition on using fire in history

    archeoParc Schnalstal, photo: Irene Egger

    Johanna Niederkofler bei der Eröffnung der Ausstellung „Feuer, Fluch und Segen“<br/>Inaugurazione della mostra „Il fuoco. Buon servitore, cattivo padrone“<br/>Inauguration of the exhibition on using fire in history

    archeoParc Schnalstal, photo: Irene Egger

    Eröffnung der Ausstellung „Feuer, Fluch und Segen“<br/>Inaugurazione della mostra „Il fuoco. Buon servitore, cattivo padrone“<br/>Inauguration of the exhibition on using fire in history

    archeoParc Schnalstal, photo: Irene Egger

    Visualizza il permalink
  • Inaugurazione della mostra scolaresca della scuola elementare di Certosa

     

    Eröffnung der Karthauser Schülerausstellung „Zeitreise“ im April 2010: Schulleiter Erwin Grüner und archeoParc-Leiterin Johanna Niederkofler <br/>Inaugurazione della mostra scolaresca „Zeitreise“<br/>Opening of the exhibition project „Zeitreise“

    archeoParc Schnalstal, photo: Hubert Grüner

    archeoParc Schnalstal, photo: Hubert Grüner

    archeoParc Schnalstal, photo: Hubert Grüner

    Eröffnung der Karthauser Schülerausstellung „Zeitreise“ im April 2010: Direktor Christian Köllemann, Kulturassessor Otto Rainer und archeoParc-Leiterin Johanna Niederkofler <br/>Inaugurazione della mostra scolaresca „Zeitreise“<br/>Opening of the exhibition project „Zeitreise“

    archeoParc Schnalstal, photo: Hubert Grüner

    Scopri di più nella photo gallery: